Relazione di Bilancio 2017 - Fondazione Casa Ospitalità Ivrea

Vai ai contenuti

Relazione di Bilancio 2017

La Fondazione & Lavori in corso > Bilancio 2017
RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Con il 31 dicembre 2017 si è chiuso il quinto esercizio della nostra Fondazione, svolto in sostanziale
continuità di indirizzi rispetto agli esercizi precedenti.
Con costante riferimento agli obiettivi statutari della Fondazione, le priorità si sono concentrate su iniziative
rivolte a persone disagiate, alla loro tutela ed alla sensibilizzazione della comunità locale su questi temi.
In particolare si è lavorato per individuare e sostenere attività dedicate alle persone affette da problemi di
salute mentale, partendo dal prezioso lavoro svolto da tanti anni nell'ambito della Casa dell'Ospitalità.
Riguardo all'obiettivo di aumentare nel territorio la conoscenza e la consapevolezza dei temi legati alla salute
mentale, al suo impatto sociale e alle possibili metodologie di intervento, si è continuata e sviluppata la
collaborazione con il Corso di laurea di Infermieristica di Ivrea (che fa capo all'Università di Torino) per il
progetto triennale avviato lo scorso anno.
Ricordiamo che tale progetto comporta un finanziamento annuale di Euro 5.000 a carico della Fondazione e
prevede una serie di attività formative per gli studenti, addizionali rispetto ai programmi di studio standard,
nonché periodi di permanenza di alcuni studenti presso la Casa dell'Ospitalità; in particolare gli stage presso
la Casa sono da quest'anno diventati "tirocini valutativi", in modo che la Casa è di fatto equiparata ad una
sede distaccata di corsi universitari.
Nell'ambito delle azioni rivolte all'evoluzione delle cure psichiatriche, si è dato il via ad un impegno che - date
le ridotte dimensioni della Fondazione e delle sue risorse - non si presenta né facile né di breve durata, ed è
reso ancora più complesso dal periodo di forte incertezza che le strutture residenziali stanno attraversando
in Piemonte. La Fondazione ha conferito ad una psicologa esperta del settore psichiatrico un incarico di
consulenza volto a raccogliere materiali e a formulare ipotesi su nuovi possibili sviluppi per le attività della
Casa dell'Ospitalità. Tale lavoro - totalmente condiviso e partecipato dalla Coop. L'Arte della Cura e dai
professionisti attualmente operanti nella Casa - è attentamente seguito e discusso da un gruppo di lavoro
interno, assai motivato ed interessato. Ne è scaturita l'ideazione di un progetto decisamente innovativo per i
prossimi anni, sul quale sono in corso contatti e valutazioni. Quanto prima tale progetto sarà dettagliato e
sottoposto ai partner potenzialmente interessati, nonché ad Enti che possano fornire un significativo
supporto finanziario per la fase di valutazione pilota. L'anno in corso sarà pertanto centrato in prevalenza su
questo tema, onde poter giungere responsabilmente ad una decisione sull'avviamento operativo
dell'iniziativa.
Passando invece alle attività di manutenzione straordinaria dell'edificio, l'intervento di maggiore peso è stato
il restauro e la messa in sicurezza del soffitto dello scalone, da cui si verificavano frequenti cadute di parti in
gesso. Il lavoro è stato eseguito a fine estate e ha comportato l'installazione di una estesa impalcatura al
secondo piano dell'edificio stesso. Verso fine anno è stato anche necessario intervenire nuovamente sui
meccanismi dell'ascensore.
Passando ai dati economici, si può rilevare che il patrimonio della Fondazione al 31 dicembre 2017
ammonta ad Euro 925.487; era di Euro 926.257 a fine 2016, e la variazione è dovuta sostanzialmente alla
lieve perdita economica del 2017.
FONDAZIONE CASA DELL’ OSPITALITA’ – ONLUS
Via Burolo 41 c – 10015 Ivrea
c.f. 93042540018 – Registro Regionale n. 1120
Per quanto riguarda l'attivo, le tre voci principali sono costituite dalle immobilizzazioni materiali, cioè dal
valore aggiornato dell'edificio per Euro 774.496, dalle attività finanziarie per Euro 100.000 e dalle
disponibilità liquide per Euro 51.779.
I debiti - tutti correnti e già saldati nei primi mesi del 2018 - sono sempre poco significativi: ammontano a
Euro 1.830 (rispetto ad Euro 981 di fine 2016).
Riguardo al conto economico, i proventi assommano ad Euro 41.448 (di cui Euro 34.800 per ricavi da affitto
ed Euro 6.530 per contributi liberali, i quali sono di natura non ricorrente), mentre gli oneri valgono in totale
Euro 42.218 (di cui imposte e tasse per Euro 18.778 ed ammortamenti degli immobili per Euro 12.154 ).
Ne scaturisce un risultato leggermente sfavorevole, con un disavanzo di Euro 770.
Si propone al Consiglio di Amministrazione di coprire tale disavanzo con riserva di gestione risultati
gestionali esercizi precedenti.
Si ribadisce infine che la gestione ha seguito i criteri della massima prudenza e che sia i componenti del
Consiglio di Amministrazione che quelli del Collegio dei Revisori hanno svolto la loro attività a titolo
completamente gratuito.
Ivrea, 4 aprile 2018
per il Consiglio di Amministrazione
Il presidente
Torna ai contenuti